Jano Di Gennaro, nato a Napoli il 30 maggio 1978, già da piccolo manifesta una grande curiosità per le arti sceniche: prima per il canto e poi per la recitazione. Canta, per la prima volta, davanti ad un pubblico all’età di dieci anni partecipando a piccole manifestazioni. Con il tempo intraprende studi più seri e partecipa ad eventi di maggior rilievo.  In accademia studia e perfeziona la recitazione teatrale e cinematografica, il canto, la dizione, la storia del teatro, il doppiaggio e l’arte del musical.

Quando ti sei reso conto di voler lavorare nel mondo dello spettacolo?

Sono fermamente convinto che ogni persona nasce predisposta ad intraprendere una determinata strada,ho sempre amato tutto ciò che è espressione artistica fin da quando ho memoria,ricordo che da piccolissimo per dare qualche minuto di respiro a mia madre,quest'ultima mi accendeva radio o televisione,già allora ricordo di immaginarmi di poter essere quella voce in radio o quell'immagine in video. Non avrei mai potuto fare altro nella mia vita se non questo. Cantare,recitare,condurre,scrivere o posare,sono tutte cose che sono nate e cresciute con me.

Quale esperienza lavorativa ti ha formato di più?

Conservo nel cuore qualsiasi cosa abbia fatto,dal cinema al teatro,dal musical alla televisione,dalle foto alla scrittura. Tutto ciò che ho fatto,tutti gli artisti che ho conosciuto e con cui ho lavorato,i quali tantissimi considero cari amici,hanno contribuito a rendermi la persona che sono,credo che nulla capiti per caso,sono sono fiero del percorso che ho fatto e che ancora sto facendo,tutto e tutti nel loro piccolo mi hanno formato,e preferire qualcosa o qualcuno in particolare,non sarebbe giusto. Alle volte mi capita di tornare indietro nel tempo con il pensiero,di rispolverare vecchi ricordi di tanto tempo fa,di quando muovevo i primi passi,di quando mi recavo su di un set cinematografico per una semplice comparsata,non esiste una singola cosa che non mi faccia star bene o che mi faccia sorridere.

Attualmente di cosa ti occupi? C’è qualche nuovo progetto che “bolle in pentola”?

Proprio in questi giorni ho terminato le repliche a teatro di una commedia musicale e sono già all'opera  per portarne in scena altre due,una per dicembre l'altra febbraio; a giorni riprenderò le prove con il gruppo musicale per il tour estivo e, tra le altre cose, sto leggendo la sceneggiatura per un nuovo progetto cinematografico...Incrociamo le dita per tutto. Colgo l'occasione per ringraziare tutte le persone che mi sostengono e che quotidianamente mi dimostrano il loro affetto sui social.